Crea sito

Privacy di Facebook

Privacy di Facebook

Privacy di Facebook

facebook-privacy
Privacy di Facebook. Immagine presa dal web

Privacy di Facebook, 5 alleati per conservare meglio la privacy.

Essendo su Facebook è naturale che mi arrivino richieste di amicizia da gente che non ho mai visto e nemmeno conosciuto, e visto che io alla mia privacy ci tengo tantissimo, vi spiego quale comportamento ho adottato per proteggermi da occhi indiscreti.

Le liste

Su Facebook puoi fare diverse liste. Si può passare da quella dei conoscenti a quella dei colleghi, amici.… Questo sistema ti offre la possibilità di escludere da una o più liste persone nel caso tu non voglia condividere post con tutti. Per poter creare queste liste non devi fare altro che andare sulla lista amici, cliccare sul pulsante accanto ad ogni nome e così ti trovi il menù in cui inserirli. Così quando scrivi un post, accanto al pulsante pubblica puoi selezionare quali liste potranno leggerlo, e solo quelle vedranno quanto hai messo online. Ricorda però che l’ultima impostazione rimane in memoria finché non la cambi e ti conviene tutte le volte che accetti una nuova amicizia, inserirla già nella lista.

Registro attività

Aprilo col pulsante ai piedi dell’immagine di copertina. Vai in controllo diario e controllo tag, così verifichi cosa possono vedere di te le altre persone e principalmente le foto in cui sei taggato. Inoltre puoi nascondere contenuti in bacheca, rimuove quelli creati da te o chiedere di eliminarli.

Gli eventi

Se non gradisci far sapere agli altri a cosa partecipi, ricorda che puoi nascondere la sezione eventi dal tuo profilo. Fai però attenzione che se un evento è pubblico sarà visibile sulla pagina dell’organizzatore.

La geolocalizzazione

Se non vuoi far sapere i luoghi da cui invii i post vai col cellulare sulla voce impostazioni, poi vai su privacy, quindi localizzazione e poi no.

L’icona col lucchetto

L’icona col lucchetto, posta sulla schermata in alto a destra ti permette di gestire in modo veloce tutte le impostazioni della privacy. Se clicchi su chi può vedere le mie cose e su visualizza come…puoi controllare cosa vedono gli altri di te.

(Visited 48 times, 1 visits today)

Prima comunione

Prima comunione
Prima comunione

Prima comunione. Con la Prima Comunione il bambino è protagonista a tutti gli effetti. I regali da fare sono il libro da messa, la coroncina del rosario, la medaglietta ricordo in oro, il portaritratti in argento o l’album porta-foto in pelle bianca. In quanto alle frasi adeguate alla situazione, ne suggeriamo alcune qui sotto.

  • Che oggi il Signore faccia di te uno strumento di pace e d’ amore. Felicitazioni da….
  • La tua presenza, Gesù mio , mi colma di gioia e di speranza.
  • Sei un piccolo grande angelo a mani giunte. Non avrai bisogno della voce affinché le tue preghiere giungano in Paradiso.
  • Prego il Signore affinché questo giorno sia la guida per il cammino futuro…
prima-comunione-femmina
Prima comunione. Immagine presa dal web

 

  • Gesù, fai che il ricordo di questa giornata possa essere guida alla mia vita
  • In questo giorno si apre per te una nuova vita: ti auguriamo che sia ricca di gioia e serenità.
  • Che il tuo incontro con Gesù sia per tutta la vita, che sempre ti conservi buona e cara come sei ora.
  • Grazie Gesù, un dono infinito discende oggi nella mia vita.
  • Rimani sempre sereno ed innocente come oggi. E’ la prima volta che il corpo di Cristo entra in te.
  • Oggi con la tua prima Comunione, stai per ricevere un bene prezioso, conservalo nel tuo cuoricino per sempre. Che il Signore ti accompagni in una vita piena di gioia.
  • Che il tuo futuro sia sempre puro e candido come questa lieta giornata.
  • E’ un immenso piacere dividere con te e i tuoi genitori la gioia di questo momento.
  • Intercedi per me con le tue preghiere: in questo giorno straordinario tu sei vicino a Dio.
  • Che l’ incontro con Gesù ti conservi buono e caro come ora.
  • Oggi che sei così vicina agli angeli, nella tua preghiera ricorda anche noi che ti vogliamo sempre tanto bene. Che il Signore ti guidi e ti protegga.
  • Nel giorno della tua Prima Comunione mi sono dimenticato di formulare una preghiera per te, che hai voluto essermi vicino.
  • Così vestita di bianco sei bellissima: radiosa e candida come la tua anima.
  • In questo giorno Santo, ti siamo vicini con tutto il cuore e con tutto il nostro affetto.
  • Con i nostri migliori auguri perchè possa protrarsi nel tempo la benedizione di questo Santo Giorno
  • Che oggi il Signore faccia di te uno dei suoi strumenti di pace e di amore. Accogli le nostre più sentite felicitazioni.
  • Oggi che sei così vicina agli angeli , nella tua preghiera ricorda anche noi che ti vogliamo bene e ti siamo sempre vicini. Che il Signore sia la tua guida per tutta la vita.
  • Ti auguro con tutto l’amore e con tutto il cuore che la tua anima possa seguire sempre il cammino del Signore .
  • In questo giorno felice, in cui ricevi la tua prima Comunione, noi tutti ti auguriamo un dolce e seno avvenire.
  • Che la gioia infinita di questo giorno memorabile ti sostenga per tutta la tua vita.
  • In questo Santo giorno i tuoi cugini e parenti ti sono vicini con tutto il cuore.
  • Questo è un giorno molto importante: Gesù ti è vicino. Tanti auguri.
(Visited 1 times, 1 visits today)

Stare bene

Stare bene

Stare bene

1131e6a5670
Stare bene. Immagine presa dal web

Ieri era la Giornata Internazionale contro la lotta sulla violenza femminile, e tra un pensiero triste e l’altro mi è venuta la voglia di tornare sul mio gruppo di fotografia. Non capisco nemmeno io il perchè, o forse sì. Quella giornata, mi ha fatto tornare alla mente pensieri tristi di cose perdute dopo aver cercato di costruire una casa solida, con fondamenta solide, e così volevo tastare con mano se con alcune persone che ho lasciato c’era ancora quel sentimento profondo che ci legava un tempo.

Nonostante le varie peripezie che ha passato il gruppo, scissioni varie, allontanamenti… e non ultimo un attacco hacker (che aveva messo il gruppo in croce con la perdita di tantissimi utenti), mi sono trovata a mia insaputa reinserita nel gruppo e con il mio ruolo di amministratore.

Evidentemente il mio modo di essere, e l’essermi sempre comportata con tutti come persona gentile e buona, ha fatto sì che gli altri mi vedessero come una persona positiva, una persona che sta bene con se stessa e trasmettere energia positiva rendendo l’ ambiente piacevole.

All’interno del gruppo come nella vita, o qui sul web, non ho mai avuto bisogno di richiamare l’attenzione di nessuno per ottenere un applauso o per farmi  notare. Sono sempre andata dritta, per la mia strada e coerente con i miei valori, ma nonostante tutto pensavo di aver perso quel ruolo che mi avevano conferito. Invece e con mia grossa soddisfazione, ho visto che il mio ruolo di leader all’interno del gruppo è rimasto intatto come quando me ne sono andata.

Mi hanno già chiesto di organizzare un’uscita fotografica perchè gli manco ed ho deciso che la farò per le feste di Natale. Quale occasione migliore per trovarsi, abbracciare e dire ti voglio bene a persone a cui vuoi davvero bene!

 

(Visited 10 times, 1 visits today)

Bucato

Bucato

Bucato

bucato
Bucato. Immagine presa dal web

Vecchio come il mondo è il problema delle macchie. Qui di seguito vediamo come trattare certe macchie difficili quando si fa il bucato.

Macchie prodotte da sostanze coloranti

  1. Macchie di frutta: se non spariscono durante il normale lavaggio, usate la seguente soluzione: 50 parti di alcool etilico e 50 di alcool denaturato. Risciacquate con acqua tiepida.
  2. Macchie di kaki: Se sono fresche lavatele con acqua e sapone a freddo (mai a caldo perchè la macchia si fissa). Se sono vecchie, impregnatele di glicerina. Lasciatele così per due ore e rilavare con acqua ossigenata e poi acqua tiepida.
  3. Macchie di caffè: acqua e sapone a freddo. Se sono vecchie usate lo stesso trattamento per le macchie di kaki.
  4. Macchie di cioccolata o the: stesso trattamento per le macchie di caffè.
  5. Macchie di verdure: stesso trattamento per le macchie di frutta.
  6. Macchie di erba: una o due bolliture di circa 10 minuti con un buon detersivo (dosi 1 cucchiaio di detersivo per litro). Cambiare la soluzione dopo ogni bollitura. Da ripetere se necessario.
  7. Macchie di profumo: mettere della carta assorbente sotto la macchia e tamponare con cotone imbevuto di alcool a 90°. Se per caso restasse l’alone, ripassare con acqua e ammoniaca.
  8. Macchie di tabacco: usate acqua ossigenata a 12 volumi.
  9. Macchie d’uva: 10 minuti di bollitura con due cucchiai di detersivo ogni litro d’acqua.
  10. Macchie di vino: togliere le macchie con acqua calda e sapone, poi sciacquate con un misto di acqua e aceto.
  11. Macchie d’arancia: bollire per 10 minuti il capo con l’aggiunta di un buon detersivo( dose 1 cucchiaio per ogni litro d’acqua.
  12. Macchie di liquore: usate una soluzione di alcool ed acqua in parti uguali. Esponete all’aria, non al sole!

Macchie prodotte da sostanze a base di albume

  1. Macchie di gelato: Immergere e agitare velocemente per due secondi la parte macchiata in acqua caldissima con un buon detersivo (dose di due cucchiaiate per litro). Risciacquate abbondantemente.
  2. Macchie di uova: Se sono macchie vecchie cospargetele di sale e lasciatele riposare per almeno 10 minuti. Se sono fresche usate solo acqua corrente.
(Visited 13 times, 1 visits today)

25 novembre

25 novembre

25 novembre

violenza-sulle-donne
25 novembre

Il 25 novembre è la giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.Questa data fu scelta a ricordo dell’uccisione delle tre sorelle Mirabal, violentate e uccise proprio il 25 novembre del 1960.

Se tanto si è fatto in questi anni, quello che manca ancora a mio parere è l’aspetto che riguarda la prevenzione, e da parte delle donne, è il sentirsi colpevoli verso se stesse, verso il compagno delle violenze psicologiche che si subiscono, quando sono solo da attribuire a chi maltratta.

Le donne non devo rimanere insensibili ai campanelli d’allarme. Quando si avverte paura, quando la  libertà personale si riduce, oppure vengono denigrate o ricattate e ancora prima che si manifestino episodi di violenza vera e propria come le mani al collo, uno schiaffo, un pugno, è meglio ricorrere ad un aiuto sapendo che è di fondamentale importanza anche davanti a scelte come una denuncia o una separazione, perchè potrebbe essere proprio l’elemento scatenante della violenza.

Vittime innocenti del rancore, della rabbia della gelosia, di killer che nella maggior parte dei casi vivono dentro le mura di casa e che fanno esplodere la loro rabbia dopo mesi, anni di violenze psicologiche, non sempre denunciate per paura o per troppo amore.

Contro questa strage annunciata che purtroppo non pare abbia mai fine, ancora una volta il 25 novembre, il mio sostegno va a tutte le donne vittime di violenza.

separatore4

Per tutte le violenze consumate su di Lei,
per tutte le umiliazioni che ha subito,
per il suo corpo che avete sfruttato,
per la sua intelligenza che avete calpestato,
per l’ignoranza in cui l’avete lasciata,
per la libertà che le avete negato,
per la bocca che le avete tappato,
per le ali che le avete tagliato,
per tutto questo:
in piedi, Signori, davanti ad una Donna.

William Shakespeare

(Visited 6 times, 1 visits today)