Amicizie virtuali

Amicizie virtuali

Amicizie virtuali. Immagine presa dal web

Oggi vi voglio parlare delle amicizie che nascono sui social network, strumento sempre più usato ( me compresa), ma che in realtà esistono da diverso tempo.

Prendo come esempio Facebook. Dal primo dell’anno, ho deciso e mi sono posta la regola di accettare solo ed esclusivamente amicizie da gente che ho conosciuto. Infatti da 350 persone sono passata a 90. Ma non vi voglio parlare di come la sottoscritta gestisce il proprio account e allora procedo.

Facebook è stato definito un fenomeno sociale. Per chi non lo sapesse ancora, i social network sono dei siti web in cui più persone possono comunicare via chat, per messaggistica privata… condividere contenuti, foto, video, audio….conoscere nuove persone da tutto il mondo, e tutto questo senza spostarsi dalla propria seggiola.

Sui social  è possibile conoscere persone nuove mai viste e che mai si vedranno di persona, mentre con altre il rapporto evolve. Si passa dal leggere dei post, ad una richiesta di amicizia, al contatto Messanger di Facebook, per poi passare a quello whatsapp, Skype…per poi vedersi. Diciamo che molti  si iscrivono proprio per trovare amici e riempire in modo fittizio la propria vita, ma con altri il rapporto giorno dopo giorno si solidifica.

E’ anche vero che le amicizie di internet sono a basso costo, basta un click e ci si cancella, si chiude il profilo, ci si perde di vista. Ma….ma non sempre è così.

Io per esempio con alcuni amici non ho più un contatto Facebook, ma ci sentiamo regolarmente tutti i giorni. Con alcuni ci scriviamo mail, con altri ci sentiamo su whatsapp, con altri ancora ci scriviamo sia sms e ci sentiamo al cell, con altri ancora non abbiamo più il contatto Facebook ma ci scriviamo mail, sms, ci sentiamo al telefono e su whatsapp  ….diciamo che Facebook è solo stato un mezzo per far nascere un’amicizia.

Da uno studio è emerso che quando internet è usato male, tende a isolare anche le amicizie virtuali. Secondo me, è grazie a internet che ormai i rapporti progrediscono o si deteriorano…dipende tutto  se uno ci tiene ad un amico oppure no….Ogni forma di comunicazione non verbale tipo Facebbok, chat, post, deve essere usata al limite per darsi al cazzeggio, ma se è possibile è meglio chiamarsi.

Quante persone che conosco ho visto naufragare a causa di questo discutere in chat. Sono nate incomprensioni con relative arrabbiature e rotture. 

Vorrei concludere dicendo che Facebook come Libero o tanti altri, in un’ amicizia può andare bene sul nascere…leggere post può andare bene…ma non è importante per tutta la vita…Facebook non è la vita…. Ci sono molte forme di comunicazione più veloci e più soddisfacenti, per poi arrivare alla conoscenza e alla frequentazione 🙂

Voto minimo 7, massimo 11.
Grazie il tuo indirizzo IP e voto, sono registrati.

 

(Visited 196 times, 1 visits today)

4 commenti su “Amicizie virtuali

  1. Io sono approdato relativamente tardi su FB; uso Facebook solo per contatti di gente che conosco (dal vivo o tramite blog/forum).
    La gente che non conosco, a cui mi accomuna qualche tipo di passione, la aggiungo su Twitter o Instagram, che uso proprio per questo (grazie agli hashtag).
    Vero, la vita virtuale è una cosa a sé, ma non è detto che non possa intersecarsi (bene) con quella reale.
    Per me procedono entrambe su binari che spesso lascio contaminarsi^^

    Moz-

  2. Ciao Tata. Hai detto bene. Facciadalibro è un fenomeno sociale, ma prendiamolo per quello. Noi che abbiamo fatto? Non ci scriviamo più visto che Viv. ci crea problemi, ma ci sentiamo sotto altre forme. Non esiste solo Facciadalibro 🙂 . Wp è molto più comodo e non costa nulla.

    • Ma infatti Paolo FB è solo un mezzo, magari per far nascere un’amicizia come la nostra. Poi è successo quel che è successo per gelosia di Viv e ci sentiamo altrove. Non è più come una volta che ci si vedeva o ci si vedeva. Ora i mezzi per non perdere un’amicizia sono tantissimi….con o senza consenso da parte di terzi.

Lascia un commento