Fake

Fake come fare a riconoscerli

Tutti sanno che esistono, molti li utilizzano per spiare, ma nessuno ne parla, o se ne parla molto poco. Ma in realtà chi sono i fake, ma principalmente come fare a riconoscerli su Facebook??? l fake generalmente sguazzano sui social network, perché i social permettono di creare una moltitudine di identità fasulle con le quali scrivere post, pubblicare messaggi privati e non, screditare avversari, prendersi gioco del malcapitato di turno, o molto semplicemente per controllare le mosse altrui, pensando di non venire mai scoperti.

Fake

Fake. Immagine presa dal web

Ma come si riconosce un fake? Generalmente ha un comportamento antisociale, non interagisce tanto, oppure, quando commenta non è per nulla coerente. Su facebook, come su Libero, o come su altri social non è per nulla difficile individuare identità fittizie…Ma vediamo come scovarlo!

Facendo parte di Facebook e interagendo con tantissime persone, quando mi sorge un dubbio che faccio? Prima di tutto entro nel suo profilo e lo analizzo bene partendo dalle sue fotografie, o almeno quelle fa capire di aver scatto lui/lei. Seconda cosa guardo se ha foto sue. Se non ha un numero decente di fotografie che lo ritraggono in situazioni diverse, o se ha foto di dimensioni piccole, sgranate, passate su photoshop e con l’aggiunta di cuoricini glitterati mi trovo davanti ad un fake. Successivamente mi copio le foto che ha, e le analizzo con Google immagini. Ed ecco che ne trovo di tutte le dimensioni…ed il gioco è fatto 🙂

Voto minimo 7, massimo 11.
Grazie il tuo indirizzo IP e voto, sono registrati.

 

(Visited 89 times, 1 visits today)

6 commenti su “Fake

  1. Oh che splendido argomento , premesso che a parer mio ognuno su Libero , ( perche’ e’ li che ho fatto la mia prima iscrizione) può’ avere miliardi di profili , ma il problema Fake per me nasce quando gli Amici , o perlomeno quelli che tu hai nel profilo o quelli che da anni frequenti , dovrebbero sapere tutti i tuoi nick , invece a me è capitato che avevo un’Amica , con la A maiuscola e nel 2015 ho deciso di perderla , proprio
    perche’ lei non mi diceva mai i suoi profili e ne faceva ( ancora ora lo fa anche se sotto mentite spoglie e con nomi diversi ) non me li comunicava , ed andava scorrazzando e chiudendoli a 5 per volta . Mi sono stancata ne ho discusso , via messaggio , perche’ il telefono non poteva usarlo , e le ho detto chiaramente che la doveva smettere , che doveva essere sincera , se si considerava amica , lei e’ Bipolare. So che e’ una malattia anche grave …. ma non giustifica il fatto che devi rispondermi male e dirmi di farmi i cavoli miei , che lei faceva cosa voleva . Ho chiuso per sempre con lei .
    Io l’AMicizia con la A maiuscola la intendo in modo diverso , Vera!
    Detto questo cara Paola bellissimo post , non ho Facebook e menomale , non ne ho mai avuto la necessita’ perche’ gia’ mi bastavano i due profili di libero , di cui uno e’ chiuso .
    Un abbraccione buona giornata Paola

    Rosy

    • Cara Rosy, di certo la tua esperienza non è stata positiva e hai fatto bene a parlare chiaro. Se ad una persona ci tieni non è il caso di nascondere nulla. Se poi uno se ne accorge e lei si arrabbia, beh che amicizia era? Pazienza se è malata, ma per come ti conosco non era di certo una persona che faceva per te.

    • Altro discorso invece per questi fake che credono che gli altri siano tutti tonti. Oltre alle cose che ho elencato nel post c’ è un altra particolarità che ad un occhio attento come il mio non scappa, non per niente mi chiamano “faina” 🙂

  2. A prescindere dal fatto che una persona può avere diversi nick (cosa che non capisco proprio!) non ci sarebbero problemi se, come dice Rosy, almeno agli amici si dicesse. Invece, se ricordi bene, ci fu un periodo in cui alcuni personaggi avevano centinaia di nick e profili che usavano per mettere zizzania tra i blogger. Questo lo trovo disgustoso! In ogni caso un fake lo riconosci sempre perché lo stile della scrittura (soprattutto se messo in condizione di discutere animatamente! ) è caratteriale. Non per nulla un famosissimo psichiatra di nome Alex, si finse una dottoressa paraplegica di nome Joan e dopo due anni (in cui prese in giro numerose persone nella rete), venne “sgamato”. Io dico che in fondo i fake sono come il segreto di pulcinella. Ciao Paoletta bel post

Lascia un commento